lunedì, giugno 19, 2006

Quando la pirateria rende

Si parla spesso di lotta alla pirateria ma non si dice mai come tante aziende traggono vantaggio da essa stessa creando monopoli di fatto e controllando il mercato in vari settori,specie quello del software. Alcuni esempi:

- Playstation: perché è stata preferita alle consolle Nintendo? Semplicemente perchè i giochi si trovavano gratis!

- Microsoft Office: se non fossero disponibili copie crackate chi spenderebbe centinaia di euro per questo prodotto quando esiste Open Office che è gratuito? Tralasciamo il discorso su Windows...


-Photoshop: sebbene esista Gimp quasi tutti hanno Photoshop installato...che strano...

- Nero Burning Rome: c'è qualcuno che lo paga? Ho scoperto che per Linux esiste l'ottimo K3b, se Nero si pagasse chi lo sceglierebbe??

- Adsl: se non fosse esistito il peer to peer quanti abbonamenti avrebbero venduto?

- Sky: se non fossero esistite le schede pirata di Tele+ la tv via satellite si sarebbe diffusa così tanto?


A me certe cose fanno pensare...io sto cercando di usare sempre prodotti gratuiti piuttosto che usare copie piratate,non per essere nella legalità ma piuttosto per non alimentare certi monopoli.
In definitiva dico NO alla pirateria ma non per le ragioni che ci vogliono far credere!
Che ne pensate?

5 commenti:

Emmebi ha detto...

Usare sempre e solo programmi gratuiti non e' di certo la scelta migliore.Forse lo e' per il portafogli, ma non a livello di qualita' del prodotto.

Inoltre dovremmo distinguere tra chi usa Nero piratato in casa e chi usa una licenza per 200 dipendenti della stessa azienda.
Come dire: "c'e' pirateria e pirateria" e non si dovrebbe generalizzare.

Rinaldo SIdoli ha detto...

Io uso gran parte dei programmi a pagamento ma credo che si debbano abbassare i prezzi dei software perchè credo che un cittadino comune non spenderebbe mai 500 euro per office. L'abbassamento dei costi dei cd porterà ad una riduzione dei programmi pirata.

Anonimo ha detto...

ma scusa...che guadagno ha la microsoft se su un pc viene installato una copia illegale di office o di windows???
non riesco a capirlo questo.
Per quanto riguarda la playstations il discorso regge...ma per le copie pirata purtroppo no...
Comunque microsoft guadagna sulle grandi aziende: bance...giornali...industrie....qelle che sono obblicate ad avere programmi non pirata.

Frank Morris ha detto...

Il guadagno sta nel fatto che cosi diventano lo standard. Ogni copia pirata è una copia in meno venduta dalla concorrenza. Perché la gente compra Windows e non Mac OS? Perché Windows è più diffuso...non certo perchè è migliore.

blogn2k ha detto...

Gentile autore,
ti comunichiamo che il tuo post, visibile all'indirizzo http://liberoblog.libero.it/hi-tech/bl3940.phtml, ritenuto particolarmente valido dalla nostra redazione, è stato segnalato all'interno di LiberoBlog, il nuovo aggregatore blog di libero.it



Pensiamo che questo ti possa dare maggiore visibilità sul web e presumibilmente maggiore traffico sul tuo blog, in quanto Libero.it è visitato quotidianamente da milioni di persone.



Nel caso tu fossi contrario a questa iniziativa, il cui fine è quello di segnalare ai nostri lettori i contenuti più validi rintracciati nella blogosfera, ti preghiamo di segnalarcelo via e-mail chiedendo la rimozione del tuo post dal servizio. Procederemo immediatamente.



Per saperne di più di LiberoBlog e sulla sua policy

http://liberoblog.libero.it/disclaimer.php



Per suggerimenti e critiche, non esitare a contattarci a questo indirizzo e-mail: blog.n2k@libero.it



Ringraziandoti per l'attenzione, ti porgiamo i nostri più cordiali saluti



LiberoBlog Staff